Vaccino antimeningite: può provocare la meningite?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 16/06/2021 Aggiornato il 16/06/2021

Non c'è alcuna possibilità che il vaccino provochi la comparsa della malattia contro la quale viene effettuato.

Una domanda di: Clara
Le mie bimbe di 5 anni e mezzo e di 11 anni dovrebbero ricevere il vaccino per meningite C, nello specifico quello che comprende i
4 ceppi, le mie domande sono: È un vaccino vivo ? Il vaccino può causare la malattia stessa? Perché se ritenuto un vaccino sicuro non è obbligo ma consigliato? Ci fu un caso nel mio paese, di una bimba che dopo aver fatto tale vaccino prese proprio la malattia il giorno dopo la somministrazione.
Specifico che sono pro vaccini, le mie figlie vaccinate anche contro lo pneumococco, ma questo vaccino (quello contro la meningite mi spaventa). Grazie.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
il vaccino in questione non è vivo, ma inattivato e coniugato, per cui non può in nessun caso determinare la malattia, neanche in forma attenuata. Il caso da lei segnalato probabilmente aveva già in incubazione la meningite, che si è presentata indipendentemente dalla vaccinazione del giorno prima. Non c’è altra possibilità (se davvero si è poi trattato di meningite e non di effetti colaterali legati al vaccino, che non vanno confusi assolutamente con la malattia né con una sua espressione).
La obbligatorietà per alcuni vaccini (10 in Italia) non è legata alla efficacia o alla sicurezza, ma alla diminuzione delle percentuali di copertura vaccinale della popolazione pediatrica di alcuni vaccini. I vaccini contro la meningite meningococcica sono sicuri e in questi ultimi anni si sono allargati a diversi sierotipi (quattro : A,C,W135,Y) per la possibilità di venire a contatto da parte dei ragazzi con ceppi di meningococco tipici di altre aree del mondo, per i frequenti viaggi internazionali di molta popolazione giovanile (anche se in questo ultimo anno e mezzo tutto si è fermato per via della Covid 19). Vaccini serenamente le sue bambine, è la scelta migliore. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti