Vaccino antipertosse e immunoprofilassi antiD: si possono fare ravvicinati?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 26/10/2023 Aggiornato il 26/10/2023

Non c'è necessità di distanziare tra loro le due misure protettive, in ogni caso è sempre opportuno, come regola generale, riferire all'operatore del centro in cui si effettua la vaccinazione se si è effettuato di recente un altro trattamento.

Una domanda di: Benedetta
Salve. Ho fatto ieri il vaccino per la pertosse. Dopodomani dovrei fare l’iniezione di immunoprofilassi antiD. Può comportare dei problemi il fatto che siano così vicini?

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, non mi risulta che ci sia necessità di distanziare il vaccino della pertosse dall’immunoprofilassi.
Sono entrambi indicati verso l’inizio del terzo trimestre, in modo da proteggere il nascituro mediante il passaggio di anticorpi anti pertosse con la prima e lei dalla possibilità di sviluppare anticorpi contro il fattore Rh del potenziale gruppo sanguigno positivo del nascituro con la seconda.
Il vaccino della pertosse sfrutta l’immunità attiva ossia induce il suo organismo a produrre un certo tipo di anticorpi (in particolare, dato che è impiegato il vaccino trivalente, si tratta di anticorpi contro la pertosse, il tetano e la difterite) mentre nel caso dell’immunoprofilassi si tratta di immunità passiva ossia le vengono iniettati direttamente degli anticorpi (ottenuti da donatori umani) contro il fattore Rh che potranno intercettare eventuali globuli rossi fetali circolanti ed evitare che lei si immunizzi per questo tipo di antigene.
Se vuole può chiedere conferma del mio parere anche ai colleghi del centro vaccinale…presumo le daranno anch’essi il nulla osta per procedere con l’imunoprofilassi.
Spero di averle risposto e di averla rassicurata, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti