Vaccino antipertosse: si può fare in gravidanza?

Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il Aggiornato il 23/10/2018

E' raccomandabile effettuare il vaccino antipertosse tra la 27a e la 30a settimana di gravidanza, perché in questo modo, grazie agli anticorpi materni, anche il bambino, dopo la nascita, può godere della protezione dalla malattia.

Una domanda di: Valentina
Buongiorno volevo sapere se è necessario effettuare alla 28 settimana di gravidanza
il vaccino della pertosse per proteggere il bambino alla nascita fino al
primo.vaccino: ho già un bimbo che va alla materna e potrebbe portarmi
malattie. Grazie.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Risponde il dottor Antonio Clavenna, responsabile, Unità di Farmacoepidemiologia
Laboratorio per la Salute Materno Infantile
Dipartimento di Salute Pubblica
Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS
“Gentile Valentina,
la vaccinazione contro la pertosse (effettuata attualmente in Italia come vaccino combinato trivalente insieme a antidifterite e antitetanica è raccomandata per le donne che si trovano nel III trimestre di gravidanza. In particolare, il periodo ideale per effettuate questa vaccinazione è tra la 27a e la 30a settimana.
Gli anticorpi prodotti dalla mamma dopo la vaccinazione sono trasmessi al feto e proteggono il neonato nelle prime settimane dopo la nascita, quando è troppo piccolo per effettuare la vaccinazione (la prima dose della vaccinazione esavalente, che protegge anche dalla pertosse, può essere effettuata dopo il compimento dei 2 mesi di età) ed è a maggior rischio di complicanze gravi in caso di infezione, come per esempio polmonite o encefalite.
Inoltre, dal momento che nella maggior parte dei casi i neonati che si ammalano di pertosse sono stati contagiati da un famigliare, la vaccinazione della mamma è utile anche per ridurre il rischio di trasmettere il batterio della pertosse al bimbo.
Da questo punto di vista, può essere utile che anche il papà valuti con il medico la possibilità di vaccinarsi contro la pertosse.
Cordiali saluti.”

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.


Scrivi a: Antonio Clavenna
Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Cosa mangiare in allattamento?

In allattamento si può continuare a mangiare tutto quello che si assumeva in gravidanza, compresi cipolle, cavoli, e spezie piccanti. L'unica restrizione riguarda l'alcol, come nei mesi dell'attesa: non bisogna assumerlo neanche occasionalmente.   »

Bimbo che non vuole stare a pancia in su e rischio di SIDS

Almeno fino ai sei mesi di vita è importante cercare di indurre il bambino a mantenere la posizione supina durante il sonno. E se si gira sempre? Si può provare un trucco ...  »

Gemellina e addio al pannolino

Può accadere che un bambino non faccia volentieri la pipì nel water perché non si sente sicuro per le più svarite ragioni (che i genitori possono facilmente scoprire).  »

Fai la tua domanda agli specialisti