Vaccino contro difterite, tetano, pertosse: è pericoloso farlo in gravidanza?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 31/03/2020 Aggiornato il 31/03/2020

Non ci sono rischi per il feto se la mamma effettua la vaccinazione anche a poche settimane dal parto.

Una domanda di: Valentina
Sono a 23 settimane di gravidanza e a 35 settimane mi sottoporrò al vaccino contro tetano difterite pertosse (so che sarebbe meglio farlo prima ma mi han detto che non c’erano posti disponibili): farlo a 35 settimane è comunque utile? Può essere dannoso? In ospedale mi hanno detto che fino a 36 settimane si può fare ma volevo capire se ne valeva la pena.
Inoltre, mio figlio una volta nato dovrà sottoporsi al vaccino della pertosse come da calendario o meglio ritardare il vaccino di qualche
settimana, dal momento che in gravidanza lo effettueró più tardi del previsto?
Inoltre, so che fino a qualche anno fa questo vaccino non veniva consigliato alle donne un gravidanza… da quanti anni è raccomandato? Sono
stati studiati gli effetti a lungo termine sui feti sottoposti a questo vaccino? Essendo consigliato alle gravide da pochi anni, come si fa a
sapere se i feti da adulti avranno dei problemi conseguenti questo vaccino?
Grazie mille.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Valentina,
il vaccino è comunque utile per proteggere il neonato dalla pertosse, anche se effettuato al di fuori del periodo ottimale.
Le consiglio di valutare con la/il pediatra le tempistiche della vaccinazione del bambino, ma l’indicazione attuale è di mantenere quelle previste nel calendario vaccinale. Non ci sono maggiori rischi di effetti indesiderati; alcuni studi ipotizzano che i nati da madre vaccinata in gravidanza producano dopo il primo vaccino una minore quantità di anticorpi, ma questo non diminuirebbe l’efficacia protettiva.
Anche se in Italia la vaccinazione contro la pertosse (somministrata insieme a antidifterite e antitetanica) è raccomandata da pochi anni, in altri paesi, come per esempio gli Stati Uniti, è impiegata e raccomandata da 10 anni.
I dati sulla sicurezza del vaccino sono consistenti. E’ del tutto improbabile che un vaccino (per di più contenente solo alcuni componenti dei batteri e non in grado di causare le malattie da cui protegge), somministrato occasionalmente possa dare degli effetti riconoscibili ed evidenti solo a distanza di molto tempo.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi che fa … jumping

03/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non è una buona idea far saltare il bambino tenendolo sotto le ascelle: molto meglio lasciarlo libero a terra, in attesa che impari a gattonare.  »

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti