Vaccino contro il rotavirus: meglio farlo?

Professore Alberto Villani A cura di Professore Alberto Villani Pubblicato il 07/08/2019 Aggiornato il 07/08/2019

Il Rotavirus è responsabile ogni anno di centinaia di ricoveri in ospedale per gastroenterite: la vaccinazione è la più efficace tutela contro di esso.

Una domanda di: Paola
Gentile professore, sono molto incerta sull’utilità del vaccino contro il rotavirus. E’ veramente necessario? Oppure è “un di più” che si può tranquillamente evitare?
Alberto Villani
Alberto Villani

Gentile Mamma,
il Rotavirus è responsabile in Italia ogni anno di centinaia di ricoveri ospedalieri in bambini affetti da gastroenterite.
Nei bambini molto piccoli la gastroenterite può determinare una disidratazione importante che, in casi eccezionali, può condurre a morte.
E’ quindi molto importante vaccinare tutti i bambini contro il Rotavirus. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti