Vaccino VPR: quali reazioni?

A cura di Dott.ssa Elena Bozzola Pubblicato il 17/12/2020 Aggiornato il 17/12/2020

La vaccinazione contro varicella, parotite, rosolia può provocare reazioni che di solito sono lievi e si risolvono spontaneamnete nell'arco di poco.

Una domanda di: Maria Teresa
Domani al mio piccolo di 9 mesi farò il vaccino contro varicella, rosolia, morbillo e parotite. Quali possono essere le reazioni? Dopo quando tempo si manifestano? Grazie.
Elena Bozzola
Elena Bozzola

Gentile signora,
la maggior parte di chi si vaccina non presenta reazioni avverse. Tuttavia, i vaccini, come tutti i farmaci, non sono esenti da rischi potenziali, e, seppur raramente, possono verificarsi reazioni avverse a seguito della vaccinazione. Generalmente queste sono di lieve entità e si risolvono spontaneamente in pochi giorni. Tra di esse, la più comune reazione al vaccino morbillo-parotite-rosolia-varicella nei bambini è una reazione locale nel sito di iniezione (7-30 per cento). Essa si può manifestare come una piccola tumefazione o rossore locale; tende a regredire nel giro di qualche giorno. A distanza di 7-10 giorni possono anche comparire la febbre (2-10 per cento) e l’esantema (3-5 per cento), ma il bambino non è contagioso e pertanto non deve rimanere in isolamento qualora presentasse questi sintomi. Le suggerisco di consultare anche questi due siti:
https://www.epicentro.iss.it/vaccini/ReazioniAvverseMPRV
http://www.ospedalebambinogesu.it/
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti