Vaginite da enterococco in gravidanza: c’è il rischio di rottura delle membrane?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 22/11/2021 Aggiornato il 22/11/2021

In gravidanza, non è possibile quantificare il rischio di rottura delle membrane in caso di vaginite da enterococco.

Una domanda di: Valeria
Salve, avevo già fatto questa domanda ma mi ha risposto che sono stata poco chiara nei dosaggi, attualmente sono alla 18esima settimana di gravidanza. Purtroppo da tampone vaginale è venuto fuori che ho l’enterococco 800.000cfu. La mia ginecologa mi ha fatto prendere augumentin (sensibile da antibiogramma ) due volte al giorno per 7giorni e contemporaneamente e solo la sera un ovulo macmiror 500mg+200.000 U.I per 6gg. Il risultato purtroppo è che L’infezione non è andata via: stessa carica batterica. Così la ginecologa ha iniziato a farmi fare una cura preventiva, prima 7 giorni con un ovulo al giorno di Meclon 1000 e Capsule Respecta per bocca e ora di seguito mi ha detto di fare per 7gg un ovulo di Difesan. Preciso che non ho nessun disturbo, tanto che ignoravo di poter avere un’infezione vaginale. Il collo dell’utero risulta che va bene. Ora mi chiedo secondo statistiche quanto rischio c’è di rottura delle membrane? La cura che sto facendo preventiva va bene? Ringrazio anticipatamente per la cortese risposta. Saluti.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, purtroppo in letteratura non ci sono evidenze che il trattamento della vaginite batterica [una vaginite causata da batteri di varie specie tra cui l’enterococco] sia effettivamente efficace. Così come non è facile rispondere alla sua domanda sull’associazione tra vaginite da enterococco e rottura delle membrane perché in alcuni studi non è stata trovata, in altri sì, ma mai quantificata. Il trattamento che sta facendo preventivo è utile per ripristinare la flora vaginale normale, il che potrà certo aiutare nel mantenere l’ambiente sfavorevole per i batteri “cattivi”. In ogni caso, se l’antibiotico non ha funzionato e la vaginite è ancora presente forse potrebbe provare un trattamento con Clindamicina vaginale. Ma si consulti con la sua ginecologa in ogni caso. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti