Vaginosi asintomatica

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 02/01/2024 Aggiornato il 02/01/2024

In caso di vaginosi batterica occorre effettuare indagini sul partner sessuale allo scopo di identificare la fonte dell'infezione.

Una domanda di: Gianna
Da circa 8 mesi ho una vaginosi batterica asintomatica ad eccezione di una leucorrea più o meno marcata a seconda dei periodi….sto curando con ovuli vidermina prebiotic alternati a filmegyno ovuli ma ancora non si risolve del tutto nonostante il miglioramento sostanziale perchè una minima leucorrea è sempre presente. La mucosa non è infiammata. Chiedo se trascinare una vaginosi per tutto questo tempo non possa essere pericoloso e controproducente in una ricerca gravidanza e perchè non mi sono stati prescritti degli ovuli antibiotici per debellarla del tutto. Grazie mille.
Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Gianna,
le vaginosi batteriche, a mio giudizio, originano da una infezione genitale del partner, durante i rapporti i germi di origine genitale maschile vengono deposti all’entrata dei genitali femminili e quelli aerobi (che hanno bisogno di ossigeno per sopravvivere) muoiono quelle anaerobi (vivono in assenza di ossigeno) sopravvivo e danno luogo a queste vaginosi che sembrano non risolversi mai. Nella mia esperienza le strategia vincente è una indagine accurata e una interpretazione clinica sul seme e sulla prostata del partner allo scopo di individuare la fonte di trasmissione e, di conseguenza, avere indicazioni precise sul da farsi. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti