Varicocele e fertilità maschile

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 30/01/2021 Aggiornato il 30/01/2021

Il varicocele può ostacolare la fertilità maschile: questa eventualità può essere verificata grazie allo spermiogramma.

Una domanda di: Fabiana
Salve vorrei farvi questa domanda: il mio ragazzo soffre di varicocele.
Quante possibilità ho di rimanere incinta con rapporti fatti nei miei periodi fertili ?
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
il concepimento non si ottiene con un giro di roulette, niente mi autorizza a sparare delle percentuali a casaccio senza nulla sapere della vostra coppia. Tutto dipende infatti, appunto, dalla fertilità di coppia, quindi di lui e di lei. Sappiamo che il varicocele, che è la dilatazione del sistema venoso spermatico che drena il testicolo,
può danneggiare gli spermatozoi. E’ una tra le principali cause di infertilità maschile, però non sempre e non automaticamente comporta
alterazioni del liquido seminale: solo in circa il 20 per cento dei casi gli uomini con varicocele faticano a concepire. Comunque sia, quando occorre, la
correzione chirurgica dell’alterazione può migliorare la qualità del liquido seminale. Posto tutto questo, se lei ha dubbi sulla fertilità del suo
fidanzato le consiglio vivamente di suggerirgli di effettuare uno spermiogramma: questo esame serve a valutare il numero, la motilità e la
forma degli spermatozoi, così da permettere di capire se c’è qualcosa che non va. In genere, comunque lo spermiogramma ed eventualmente altre indagini
volte a stabilire la fertilità di coppia si eseguono dopo un anno di ricerca della gravidanza che non ha portato ad alcun risultato. Questo vale
soprattutto se la coppa è giovane (sotto i 35 anni) e quindi ha davanti a sé ancora una lunga aspettativa di vita fertile. Le raccomando di assumere fin
da subito, quindi preconcepimento, e per tutto il periodo della gravidanza, fino almeno al termine del primo trimestre, l’acido folico nella dose di una compressa da 400
microgrammi al giorno, meglio se lontanno da tè e latticini. Serve per la prevenzione della spina bifida del bambino. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti