Ventinovesima settimana di gravidanza: perché la mia bimba cresce poco?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 07/07/2022 Aggiornato il 07/07/2022

Quando il feto durante la vita intrauterina aumenta meno di quanto sia desiderabile, è necessario effettuare indagini di approfondimento che permettano di capirne la ragione.

Una domanda di: Monia
Salve, sono alla 29esima settimana di gravidanza, aspetto una bimba. Alla 27esima e un giorno, durante una ecografia hanno visto che il ventricolo sinistro misura 11,6mm, oltre al fatto che la mia bimba in un mese aveva preso pochi grammi. Sono preoccupata e non so se è opportuno fare altri esami particolari. Mi può consigliare cosa fare e se il problema del ventricolo possa essere legato ad una particolare anomalia. Hanno visto se c’erano infezione in atto e non c’era nulla. Grazie in anticipo.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, mi scusi se l’ho fatta attendere per la risposta alla sua domanda…cerco di rimediare al più presto. Intanto in gravidanza le ecografie ci possono aiutare a vedere nel tempo se insorgono dei problemi e come si evolvono. A volte ci sono dei parametri che non ci tranquillizzano ma poi rientrano nei limiti di norma ad un controllo successivo, oppure si mantengono stabili nel tempo. Direi che per quanto concerne il cuoricino della sua bimba, è importante che lei sia valutata in un centro di diagnosi prenatale (lo hanno solitamente i reparti di ginecologia e ostetricia dei principali ospedali) in modo da valutare se si tratti di un problema isolato o se invece siano presenti altre anomalie nella conformazione degli organi. Il tema della crescita fetale è certamente critico. Solitamente in un mese ci aspettiamo una crescita fetale di circa 200 grammi in questa fase della gravidanza, quindi è notevole che questo accrescimento nel vostro caso non ci sia stato. Presumo le sia stato controllato in ecografia il flusso sanguigno a livello delle arterie uterine, di modo da studiare se sia “colpa” della placenta se la sua bimba sta crescendo meno del previsto. Potrebbe essere una buona idea (da sottoporre al suo Curante in via preliminare) quella di assumere Cardioaspirina da ora fino al termine di gravidanza. Inoltre, cercare durante il giorno di alternare la stazione eretta con momenti in cui lei sta sdraiata con le gambe sollevate rispetto al bacino, dovrebbe promuovere ulteriormente la crescita fetale, facilitando un maggiore afflusso di sangue alla placenta. Le rammento infine, specie se soffre di pressione bassa, di idratarsi in abbondanza in modo da favorire anche il mantenimento della volemia (ossia il volume di sangue circolante nei vasi sanguigni). Spero di esserle stata di aiuto, mi tenga aggiornata se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti