Ventricolo cerebrale posteriore di 11 mm: è preoccupante?

Dottoressa Elsa Viora A cura di Dottoressa Elsa Viora Pubblicato il 29/11/2023 Aggiornato il 29/11/2023

La misura è considerata "normale" fino a 10 mm. Se la misura è fra 11 e 15 mm si parla di "ventricolomegalia border-line", una condizione che richiede un approfondimento diagnostico.

Una domanda di: Marta
Sono alla 31 settimana di gestazione di una bambina. Oggi pomeriggio ho fatto la flussimetria e risulta una dilatazione del corno posteriore del
ventricolo laterale di destra di 11 mm. Il ginecologo mi ha detto di fare una RMN cerebrale fetale ed io mi sento molto preoccupata.
La ringrazio in anticipo per il suo riscontro.

Elsa Viora
Elsa Viora

Gentile Marta,
vediamo insieme che cosa significa una misura del ventricolo cerebrale posteriore di 11 mm. I ventricoli cerebrali sono strutture poste all’interno della testa del feto. La misura è considerata “normale” fino a 10 mm. Se la misura è fra 11 e 15 mm si parla di “ventricolomegalia border-line”. Se la misura è uguale o superiore a 15 mm si parla di “idrocefalia”. Nel suo caso la misura è di 11 mm, quindi ai limiti della norma, al momento direi che non c’è da preoccuparsi ma la prudenza è d’obbligo.
Di solito vengono proposti una valutazione accurata dell’anatomia intracranica, cioè si va a osservare se le varie parti del cervello si stanno formando regolarmente e questo può essere fatto sia con l’ecografia sia con la risonanza magnetica (RM) e un controllo a distanza di 10-15 giorni.
La RM permette certamente una valutazione più accurata ma ha costi molto elevati e richiede esperienza specifica da parte del neuroradiologo che deve conoscere lo sviluppo del cervello del feto e quindi sapere che cosa è normale e che cosa no ad ogni precisa settimana di gravidanza. Sono certa che il collega con cui ha fatto l’ecografia le ha spiegato quanto ha visto ed io le sto solo ripetendo quanto già sa., dico bene? Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti