Ventricolomegalia del feto: si può stare tranquilli?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 26/01/2021 Aggiornato il 26/01/2021

Nel feto, un'ampiezza dei ventricoli laterali cerebrali di pochissimo superiore al range di normalità non deve destare particolare preoccupazione, anche se è vero che richiede di essere indagata.

Una domanda di: Lisa
Ieri a 19+5 settimana ho eseguito ecografia morfologica, è un maschietto. Il

ginecologo riferisce che tutti i valori sono perfetti se non fosse che

il trigono del ventricolo celebrale posteriore sinistro e destro misurano 9,6 mm e il

massimo valore dovrebbe essere 9,5 mm… Ha detto di stare tranquilli

perché non dovrebbe aumentare, per sicurezza deve fare una ecografia di

terzo livello per verificare meglio.

Io sono abbastanza preoccupata per questo valore. Secondo Lei potrei stare

“abbastanza” tranquilla?

La ringrazio.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, quella della ventricolomegalia (ossia ampiezza maggiore del dovuto dei ventricoli laterali cerebrali) è una condizione che va un po’ chiarita.
Intanto va detto che il limite tra normalità e patologia non è così preciso in quanto abbiamo un valore normale se inferiore ai 10 millimetri e poi una zona grigia in caso di spessore compreso tra 11 e 15 millimetri (in questo caso si parla di ventricolomegalia borderline).
Va anche detto che i feti di sesso maschile tendono ad avere dei ventricoli cerebrali più ampi rispetto alle controparti femminili e quindi per i maschi i limite di normalità secondo alcuni sarebbe addirittura di 12 millimetri di diametro.
Inoltre, come per tutti i parametri ecografici, un conto è averne uno al limite o patologico, un altro se sono presenti altre anomalie o sospette tali.
Nel suo caso, quindi, mi sento di rincuorarla e la invito anch’io a ripetere l’esame presso un valido centro di diagnosi prenatale (immagino si intenda questo con “ecografia di terzo livello”) in modo da avere una consulenza chiara ed esaustiva della vostra situazione dal punto di vista ecografico.
Resto a disposizione se desidera e intanto le faccio gli auguri per questo bimbo in arrivo di cui a breve inizierà a sentire i movimenti…sempre che non li percepisca già.
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti