Ventricolomegalia di 11 mm rilevata dall’ecografia

Dottoressa Elsa Viora A cura di Dottoressa Elsa Viora Pubblicato il 14/10/2022 Aggiornato il 14/10/2022

Una misura di 11 millimetri è ai limiti della norma: non desta particolare preoccupazione però richiede successivi controlli.

Una domanda di: Martina
Buongiorno dottoressa, ho bisogno urgente di un suo parere sono disperata. Alla morfologica hanno trovato 2 cisti dei plessi corioidei non associate ad altro che poi fortunatamente si sono riassorbite. Al controllo di settimana scorsa a 26+2 hanno riscontrato una ventricolomegalia di 11mm, non associata ad altro. Tra 10 giorni avrò l’altro controllo. Ora le mie domande sono: non essendo associata ad altro può regredire? È grave? È una cosa frequente? La prego mi risponda sono disperata. Dimenticavo bi test e traslucenza perfetti. Ho 30 anni.
Elsa Viora
Elsa Viora

Gentilissima, intanto non si disperi, non è proprio il caso! Provo a fare il punto sulle due questioni. Le cisti dei plessi corioidei (CPC) sono presenti in 1-2% dei feti sani a 16-21 settimane ed in genere regrediscono da sole, cioè non si vedono più nelle settimane successive. Non sono una malformazione ma una “variante delle norma” cioè sono presenti in feti sani e non rappresentano di per sé una indicazione a fare altri accertamenti (amniocentesi), ma vanno fatti gli accertamenti soliti suggeriti a tutte le donne in gravidanza (test di screening se la donna lo desidera, ecografia a 19-21 settimane volta a valutare l’anatomia fetale). Infatti nel suo caso sono regredite con il passare delle settimane. La misura dei ventricoli cerebrali laterali è considerata “normale” fino a 10 mm, se la misura è fra 11 e 15 mm si parla di “ventricolomegalia border-line”, se la misura è uguale o superiore a 15 mm si parla di “idrocefalia”. Nel suo caso la misura è di 11 mm, quindi si parla di ventricolomegalia border-line (ai limiti della norma), quindi al momento non c’è da preoccuparsi ma va controllata nelle prossime settimane. Bisogna studiare con attenzione l’anatomia di tutto il cervello e, se ci fossero dei dubbi, questo può essere fatto con maggiore accuratezza mediante la risonanza magnetica (RM). In pratica, da quanto lei ci scrive, al momento non vi è nulla di patologico. Spero di esserle stata di aiuto, comunque esponga i suoi dubbi al medico che le ha fatto l’ecografia e che è l’unico che conosce il quadro. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti