Vertigini e nausea in una ragazzina

Dottor Aldo Messina A cura di Dottor Aldo Messina Pubblicato il 19/02/2023 Aggiornato il 19/02/2023

La vertigiine infantile più frequente è quella emicranica, che può anche non essere accompagnata da cefalea (mal di testa).

Una domanda di: Francesca
Salve sono la mamma di Cleo 11 anni tra pochi giorni cerco di spiegare ciò che è successo in breve. Giovedì 9 febbraio vado a prendere mia figlia a scuola per giramenti di testa e conseguente nausea e qualche starnuto. La nausea è poi passata, ma tornatadomenica sera, con poco appetito, poi lunedì sera ennesimo giramento di testa vertigine più forte e nausea. A questo punto la porto al PS del Bambin Gesù di Roma: qui stiamo dalle 3 di notte alle 18 di lunedì 13 pomeriggio. Fatti accertamenti: TAC, fondo dell’occhio, audiometria, analisi sangue, tutto negativo per fortuna. Esame neurologico, tutto nella norma. Intanto le vertigini forti tanto da non riuscire a camminare da sola perché tutto le ruota intorno. Diagnosi: vertigine parossistica oggettiva. Provano anche due gocce di valium e nel pomeriggio anche nurofen e nulla. Siamo tornate a casa alle 18 di martedì e continuano vertigini e nausea, temperatura 38,5° C (Tachipirina da 500) poi dalla mattina scende a 37,3° C fino a scomparire fino a 36° C. Il mio dott mi prescrive solo biochetasi effervescente contro la nausea poiché dice che secondo lui è vertigine vestibolare ” neurite vestibolare” e iniziamo subito con due bustine di biochetasi insieme la mattina di martedì. Sembra che questa cura faccia effetto sulla nausea e anche sul giramenti di testa, ma poi dopo circa 4/5 ore ricominciamo vertigini e nausea, senza vomito ! Ad oggi sabato 18 ancora vertigini e nausea: il buono è che nonostante tutto il fastidio la mia bambina mangia e ha appetito, è solare, tranne in certi momenti in cui mi chiede quando tutto le passerà. Inoltre non se la sente di camminare da sola neanche per arrivare in bagno poiché sbanda. Sta seduta o distesa a giocare o a leggere, ma comunque anche seduta e distesa non smettono le vertigini. Continuano anche di notte e lei, poverina, alla fine dorme ma posso immaginare come si sente … Il mio dottore dice che che ci vogliono pazienza e biochetasi e che l’importante è che non vomiti. Lui sostiene che in 10 giorni dovrebbe passare. Abbiamo appuntamento con il neurologo al centro Grandi Cefalee, prescritto al PS. Ma nonostante sia indicata l’urgenza me lo hanno dato per il 2 marzo. Ma non riesco nel frattempo a capire cosa posso dare a mia figlia per sfiammare questo nervo e alleviare i sintomi. Cosa mi consigliate? Grazie mille.
Aldo Messina
Aldo Messina

Buongiorno mamma, probabilmente l’ultima impostazione è quella corretta e prima di somminisrare del valium a una bambina ci penserei… Andiamo per ordine. Risponda a queste domande e anche la domenica noi di Bimbisaniebelli saremo al suo fianco. C’è familiarità per emicrania (soprattutto nel ramo femminile)? Stando ben attenti a non confondere emicrania (che è una malattia) con la cefalea o mal di testa che è un sintomo peraltro non sempre presente negli emicranici. L’anamesi non va fatta solo sulla bambina ma sul nucleo familiare chiedendo se si soffre di cinetosi (mal d’auto, mal di mare), se danno fastidio le luci (fotofobia) o i rumori(iperacusia. La vertigine infantile piu frequente è quella emicranica anche se la bambina, non avendo ancora un buon tasso di estrogeni, non sviluppa la cefalea. Se cosi fosse, le dia del semplice magnesio.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti