Vertigini in una ragazzina: cosa si può fare?

Dottor Aldo Messina A cura di Dottor Aldo Messina Pubblicato il 15/01/2021 Aggiornato il 15/01/2021

E' importantissimo comprendere l'origine delle vertigine, che sono un sintomo e non una malattia, e per riuscirci occorre consultare più specialisti.

Una domanda di: Laura
Buongiorno, mia figlia 14enne (fa la didattica a distanza con la scuola ma in questo periodo non
riesce a seguire) ha avuto per 15 giorni di seguito giramenti di testa, nel
frattempo ho fatto esami del sangue, visita dall’otorino e dall’oculista,
tutto a posto. Ora a distanza di un mese e mezzo in cui è stata
benissimo, ricompaiono ancora i giramenti, ora è 3 giorni che li ha ed è
sempre sdraiata, perche tutto gira intorno. Vi chiedo aiuto, cosa posso
fare?
Aldo Messina
Aldo Messina

Gentile Laura,
purtroppo non è facile identificare una malattia da un sintomo (la vertigine è un sintomo non una malattia) peraltro attraverso un contatto via web.
E’ anche vero però, cara mamma, che riesci, nelle tue righe, a darmi la sensazione di vivere una condizione di preoccupazione e di frustrazione per le consulenze effettuate senza che siano state rimosse le sofferenze di tua figlia.
Desidero pertanto, nonostante le premesse di cui sopra, cercare di aiutarti.
Andiamo per ordine.
E’ una vera vertigine, un semplice disequilibrio o una instabilità?
Vertigine è un termine che deriva dal latino vertere: l’ambiente gira vorticosamente attorno noi.
L’instabilità è avvertita prevalentemente durante la deambulazione e determina la sensazione di camminare sulla gommapiuma o su una barca in movimento.
Disequilibrio è una costante sensazione di oscillazione del nostro corpo.
Sintomi differenti (spesso confusi tra loro) che sono espressione di diverse patologie.
In realtà tu riferisci che tua figlia lamenta “giramenti di testa”, peraltro in una persona di genere femminile, adolescente e con sintomatologia quasi mensile. Questo mi fa pensare ad una vertigine emicranica o più correttamente a una emicrania vestibolare. Pertanto ti chiedo se tu, mamma, soffri o hai sofferto in passato di una forma di emicrania o se è accaduto (o accade) a tua madre o a una tua sorella. Il sintomo si accompagna a disturbi uditivi?
Altro tassello per me importante riguarda la condivisibile richiesta di consulenza oculistica: è stata correlata con una consulenza ortottica e/o della motilità oculare?
Avendo queste risposte potrò valutare, con maggiore cognizione di causa, le altre eventuali possibilità, non escludendo la necessità di richiedere anche una consulenza odontoiatrica/gnatologica, utile per documentare eventuali disturbi della masticazione o la presenza di bruxismo( tendenza a serrare la mandibola).
Attendo tue nuove, per poterti dare una risposta più esaustiva. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti