Vitamina D prescritta in dosi superiori a quelle consigliate

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 08/02/2021 Aggiornato il 08/02/2021

Ci sono casi in cui il medico curante ritiene opportuno prescrivere un integratore in quantità maggiori rispetto a quelle raccomandate, probabilmente allo scopo di porre rimedio rapidamente a una carenza.

Una domanda di: Carmen
Salve, sto per termine il primo trimestre di gravidanza, sono a 12+3 e ho
un’insufficienza di vitamina D (il valore è 16).
La ginecologa mi ha prescritto il Di Base 25000 unità, ogni 2 settimane e
dopo 4 dosaggi fare l’esame per valutare il dosaggio nel sangue.
Leggevo il foglietto illustrativo e la quantità è veramente troppa da
assumere in un giorno e che potrebbe dare gravi danni al feto! Ma la
ginecologa è sicura o si è sbagliata?
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Carmen,
alcuni studi indicano che dosi giornaliere di vitamina D fino a 4.000 U.I. non sono associate a un aumento dei rischi per il feto. Nel suo caso la singola dose è superiore a questa soglia, ma la dose media giornaliera è inferiore, considerando che l’assunzione avviene una volta ogni due settimane. Inoltre, occorre considerare che la supplementazione di vitamina D va a compensare una carenza e a cercare di riportare i livelli plasmatici a quelli considerati normali.
E’ verosimile che la ginecologa ritenga opportuno lo schema di somministrazione proposto (dose alta, ogni 2 settimane) per ridurre in breve tempo la carenza della vitamina. In caso di dubbi o di timori, può valutare con lei la possibilità di uno schema che preveda una dosi inferiore a cadenza più ravvicinata. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti