Voglio dimagrire!

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 21/05/2020 Aggiornato il 21/05/2020

I fattori che fanno ingrassare sono sostanzialmente tre: è solo eliminandoli che si può raggiungere il prezioso traguardo del peso ideale.

Una domanda di: Maria
Vorrei tanto perdere peso, ma qualsiasi cosa io faccia non riesco a perdere peso e non so come fare e ritrovare l’armonia del mio fisico.
Grazie.
Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile signora,
le informazioni che mi dà sono davvero troppo poche per poterle dare una risposta personalizzata. Dal titolo della sua email ho potuto solo dedurre che si trova in premenopausa, quindi immagino abbia più di 45 anni. Non mi dice però quanto pesa né quanto è il suo BMI (indice di massa corporea), che è il parametro che si utilizza in ambito medico per stabilire se il peso corporeo è nella norma, o al di sotto di quello ideale, oppure se si è in presenza di una condizione di sovrappeso più o meno importante. Si ottiene dividendo il peso in chili per il quadrato dell’altezza. Per esempio, una donna che pesa 62 chilogrammi ed è alta 1,70 metri ha un indice di massa corporea pari a 21,45 (62:2,89=21,45). Un BMI tra 26 e 30 indica sovrappeso, tra 30 e 36 obesità, oltre 36 obesità grave. In generale, le posso dire che impediscono il dimagrimento tre condizioni: assumere più cibo del fabbisogno (cioè di quanto si consuma), vivere in una costante condizione di stress emotivo, non fare movimento. Ne consegue che per dimagrire occorre modificare questi tre punti chiave. Per quanto riguarda l’alimentazione, sempre in generale le posso dire che deve essere il più possibile varia e deve privilegiare il consumo di frutta, verdura, pasta, pane, riso integrali. Niente zuccheri semplici (a esclusione di un gelato di tanto in tanto, magari come cena), niente alcol, niente prodotti da forno raffinati. I formaggi possono essere consumati solo occasionalmente, in piccole quantità (50 grammi di parmigiano, 100 grammi di ricotta) e quando si introducono non devono rappresentare un fine pasto, ma un secondo. Le verdure, cotte e crude (a rotazione, nel senso che nell’arco della settimana vanno variate) dovrebbero essere assunte a ogni pasto. Per quanto riguarda il movimento, non è necessario andare in palestra, né affrontare un esercizio fisico intenso: 45 minuti al giorno di camminata a passo veloce possono essere più che sufficienti per favorire una buona forma fisica e, allo stesso tempo, allentare in modo naturale l’eventuale accumulo di stress.
Per il resto, le consiglio di affidarsi a un nutrizionista, che saprà guidarla anche indicandole la dieta che può davvero consentirle di perdere peso. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba con la scabbia: potrebbe aver contagiato il fratellino?

28/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La scabbia è contagiosissima, quindi è possibile che tutto il nucleo familiare la sviluppi, compresi quindi i piccolissimi.   »

Vaccino antiinfluenzale in allattamento: si può fare?

26/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vaccinazione antiinfluenzale non è controindicata per le mamme che allattano al seno.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti