Vomito in un bimbo di 20 mesi

Dottor Leo Venturelli
A cura di Dottor Leo Venturelli
Pubblicato il 21/01/2019 Aggiornato il 21/01/2019

Se le crisi di vomito sono sporadiche può bastare la somministrazione di una soluzione reidratante. Se invece il vomito è continuo occorre valutare il da farsi con il pediatra.

Una domanda di: Gabriella
Mio figlio di 20 mesi da domenica vomita e non mangia: prende solo il mio latte. La mia pediatra mi ha detto che è un virus influenzale, che non importa se non mangia, quello che conta è che beva e per il vomito mi ha dato delle gocce allo zenzero. Ho capito però che mio figlio è giù, senza forze, non vuole giocare e stare solo in braccio. Cosa posso fare per bloccare il vomito e fargli tornare l’appetito?

Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara mamma,
se il piccolo continua a vomitare, ma anche s enon beve o appare abbattuto, è necessario ricontattare la pediatra curante per decidere il da farsi. Una ripresa migliore, se il vomito non è continuo, cioè gli epossodi sono sporadici e distanziati, può aversi col somministrare al bambino una soluzione reidratante (a base di sali minerali, zuccheri, e in particolare di magnesio, potassio, vitamina B). Si prepara con bustine che si acquistano in farmacia. All’inizio, la soluzione va somministrata con il cucchiaino, cioè a piccolissimi sorsi e poi, via via, se il bimbo la gradisce in quantità superiori. Tenga presente che queste forme da virus guariscono dopo aver esaurito il loro naturale decorso. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.


Scrivi a: Leo Venturelli
Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti