Vomito notturno in seguito a una gastroenterite in un bimbo di tre anni

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 11/03/2024 Aggiornato il 18/03/2024

Può capitare che una gastroenterite dia luogo a strascichi che possono esprimersi proprio con episodi di vomito isolati. Non è necessario preoccuparsene subito, tuttavia se il problema persiste diventa necessario consultare il pediatra curante.

Una domanda di: Elena
Il mio bimbo di 3 anni e mezzo, una settimana fa ha preso il virus gastrointestinale….di giorno tutto ok, è vivace ed è tutto normale, ma ancora adesso a distanza di una settimana ogni notte vomita, sono molto preoccupata. La febbre non è presente. Grazie.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara signora,
è possibile che un virus intetsinale dia un’infezione con decorso lungo, caratterizzato proprio da episodi di vomito nei momenti in cui diminuisce la reattività dell’organismo, come appunto accade durante il sonno. Il fatto che il suo bambino vomiti solo di notte è senza dubbio meno grave di quanto sarebbe se gli episodi si ripetessero nell’arco di tutte le 24 ore. Tenderei a mantenere la sera un’alimentazione leggera e facilmente digeribile, aspetterei a preoccuparmi salvo il caso in cui gli episodi diventassero più frequenti anziché diminuire come ci aspettiamo succeda. Provi a pazientare ancora qualche giorno, ma se la situazione non dovesse migliorare dovrà sentire il suo pediatra. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coppia con bisnonni in comune: ci sono rischi per i figli?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il grado di parentela dovuto a bisnonni in comune non aumenta la probabilità di concepire figli con malattie ereditarie. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune,   »

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti