Genova – Ospedale Villa Scassi

Ospedale Villa Scassi

  • Indirizzo Corso Scassi 1
  • Città Genova (GE) – CAP 16151 – Telefono 010 8498541 – web www.asl3.liguria.it
  • N° posti letto 420

SERVIZI CLINICI

Dietologia e Nutrizione clinica

  • Ambulatorio multidisciplinare per diagnosi e cura di sovrappeso e obesità

Ginecologia e Ostetricia

  • Ambulatorio per diagnosi e cura dell’endometriosi
  • Percorso per diagnosi e cura delle patologie uro-ginecologiche benigne
  • Ambulatorio ginecologia adolescenziale
  • Ambulatorio menopausa
  • Ambulatorio di ostetricia gravidanza fisiologica
  • Ambulatorio gravidanze a rischio
  • Ambulatorio prevenzione del parto pretermine
  • Ambulatorio ecografia e diagnosi prenatale
  • Pronto Soccorso Ostetrico
  • Analgesia epidurale gratuita h24 7giorni/7
  • Rooming-in
  • Ambulatorio dolore cronico post-partum

Neonatologia

  • Assistenza personalizzata post-dimissione
  • Monitoraggio multidisciplinare rivolto al bambino nato prematuro

Senologia

  • Percorso multidisciplinare di cura
  • Chirurgia ricostruttiva immediata
  • Psico-oncologia

Fiore all’occhiello

Monitoraggio obesità grave, Ambulatorio vulvodinia e chirurgia rigenerativa dei genitali, Consulenza telefonica h 24 – Servizio assistenza infermieristica domiciliare

Mappa:

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti