Abbondanti perdite di sangue e beta in diminuzione a inizio gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 26/01/2021 Aggiornato il 26/01/2021

Quando nelle primissime settimane di gestazione il valore della gonadotropina corionica umana diminuisce, significa che la gravidanza si è interrotta spontaneamente.

Una domanda di: Un marito
La nostra situazione è che dopo 4 giorni di ritardo (di solito regolare poche volte 1 settimana massimo di ritardo)
domenica sera facciamo test perchè Ilaria ed io inconsciamente sentivamo che c’era
qualcosa di diverso ed è risultato positivo 1-2 settimane. Lunedì ci
rechiamo a fare beta e risultato 44. Mando la sera stessa di lunedì i dati
al medico di base e ci scrive martedi mattina di rifare le beta il giovedì. Quella stessa notte ci rechiamo al pronto soccorso perchè Ilaria perdeva
abbondantemente sangue scuro. La ci dicono che da eco non si vede nulla che
per loro non c’è mai stato embrione cosi facciamo le beta, ottenendo come risultato 37. Ci
dicono di ripetere l’esame il giorno dopo perché i casi possibili sono due: o fase
iniziale quindi false mestruazioni (ha finito di perdere totalmente ieri e mi diceva che son state strane ) oppure (99%) se le beta si
sono abbassate ancora aborto spontaneo. In tutto questo Ilaria fin dall’inizio ha sempre avuto mal di pancia e quando si sono verificate le perdite di sangue aveva crampi. ad Oggi sente ancora fastidio e si sente strana.
Dice che non gli è mai capitato di stare cosi….so che è difficile e io da marito ci spero fino in fondo ma quante possibilità ha che domani le beta si
siano alzate e che Ilaria abbia avuto solo una fase brutta iniziale e che
ora sia davvero incinta? Grazie in anticipo per la disponibilità.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve e mi scusi se non ho risposto in tempi più brevi come avrei invece voluto fare.
Dai dati che mi ha fornito (ossia beta-hCG in calo e dolori pelvici associati a perdite di sangue) presumo sua moglie sia andata incontro ad un aborto spontaneo che si è verificato nelle primissime fasi della gravidanza. E’ certamente dura da accettare per entrambi, ma sono convinta che proprio per il bene che vi volete saprete essere uniti in questa prova dolorosa per la vostra coppia. Immagino fosse la prima gravidanza, in ogni caso quando capita un aborto spontaneo così precocemente è bene non farsi prendere dallo scoraggiamento perché è un fatto più frequente di quanto non si creda e non per forza comporta delle patologie. In un certo senso, è la conferma che siete entrambi fertili. Poi esiste la selezione naturale e accade che gli embrioni portatori di difetti non compatibili con la vita si perdano per strada. Direi di avere fiducia di poter presto diventare genitori e di seguire le indicazioni che vi daranno (o vi hanno già dato nel frattempo) i miei colleghi ginecologi.
Resto a disposizione per qualsiasi dubbio, sperando di risentirvi presto con buone nuove…
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti