Dislessia: la nuova app che aiuta a prevenirla

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 25/01/2019 Aggiornato il 25/01/2019

Una nuova app è in grado di stimolare lo sviluppo cerebrale del bambino e l’apprendimento delle sillabe. In questo modo ridurrebbe il rischio di dislessia

Dislessia: la nuova app che aiuta a prevenirla

Si chiama DiXtop ed è la prima app in grado di prevenire e limitare gli effetti della dislessia. Del resto, ormai ci sono app di ogni tipo. Da quelle per fare sport a quelle per aumentare la sicurezza personale, fino a quelle per imparare una lingua. Non deve stupire, quindi, se anche l’offerta nell’ambito salute e benessere personale è sempre più ampia.

È un disturbo della lettura

La dislessia fa parte dei disturbi specifici dell’apprendimento, conosciuti anche come Dsa. Si tratta di un disturbo specifico della lettura che si manifesta con la difficoltà a decodificare i testi scritti. Tipicamente, il bambino dislessico legge e scrive lentamente, confonde l’ordine delle lettere nelle parole, ha una ortografia di scarsa qualità, confonde le lettere (per esempio la b e la d). La nuova app DiXtop è stata pensata proprio per aiutare le persone dislessiche o potenzialmente dislessiche a superare questi ostacoli.

Si tratta di un gioco molto speciale

Ma come funziona DiXtop nel dettaglio? Si tratta di un gioco competitivo rivolto ai bambini in età prescolare. Stimola, infatti, lo sviluppo di determinati processi mentali che facilitano l’apprendimento delle sillabe che più spesso creano difficoltà in chi soffre di dislessia. In pratica, mentre il bambino gioca e si diverte, tentando di vincere la partita, impara a riconoscere e pronunciare correttamente le lettere dell’alfabeto e le sillabe. In questo modo noia, ansia di prestazione, paura di sbagliare, frustrazione, ossia tutti quei fattori emozionali che possono penalizzare l’apprendimento, vengono eliminati.

Lo sviluppo cerebrale viene potenziato

Grazie a DiXtop lo sviluppo cerebrale è potenziato e così il bambino riesce ad apprendere in maniera spontanea e inconsapevole ad associare il simbolo della sillaba al suono corretto e a pronunciarlo. L’idea dei creatori è che poi, quando inizierà la scuola, il suo cervello saprà riconoscere spontaneamente le sillabe e che in questo modo il rischio di dislessia diminuisca. “Il percorso concettuale che ha condotto alla realizzazione del gioco utilizza assunti di base condivisi dalla stragrande maggioranza delle correnti di pensiero e teorie psicologiche e neurologiche” ha spiegato il dottor Luigi Colombo, ideatore dell’applicazione.

 

Da sapere

L’app DiXtop per la prevenzione della dislessia è disponibile sia per dispositivi Apple sia per sistemi Android.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Quarto cesaeo: quali pericoli?

24/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Di fatto una quarta gravidanza dopo tre parti cesarei può presentare delle complicazioni che richiedono un controllo attento.   »

Incinta a 42 anni: quali rischi?

20/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

E' possibile che una gravidanza che inizia in età avanzata non vada a buon fine escusivamente per questioni anagrafiche, ma lo è anche che tutto proceda per il meglio.  »

Fai la tua domanda agli specialisti